Gregorio Fogliani

gregorio fogliani qui foundationPresidente QUI Foundation

Sin dagli inizi della sua attività  imprenditoriale, Gregorio Fogliani insieme alla sua famiglia ha dimostrato una forte sensibilità  in tema di solidarietà , testimoniata anche da una costante attività  di beneficenza e filantropia.

Gregorio Fogliani e le iniziative benefiche

Negli anni sono molte e variegate le occasioni in cui Gregorio Fogliani fornisce il proprio sostegno ad iniziative benefiche in Italia oltre che, in collaborazione con organizzazioni internazionali, a favore di progetti umanitari per i paesi in via di sviluppo, soprattutto del continente africano.

Nel frattempo, Gregorio Fogliani vede crescere il suo business, affiancando il settore dello sviluppo dei servizi per le aziende – nell’ambito dei titoli di servizio, raggiunge presto la notorietà  col buono pasto QUI! Ticket – alla prima e storica attività  imprenditoriale di quello che è ormai divenuto un Gruppo, ossia la ristorazione commerciale.

Gregorio Fogliani e le iniziative solidali

Grazie all’esperienza maturata in tanti anni di attività  nel settore della ristorazione diretta, tramite un circuito di ristoranti, pizzerie e self-service nel capoluogo ligure e nel settore della ristorazione fieristica in Fiera di Genova, nel 2007 il presidente di QUI! Group matura la decisione di contribuire alla riduzione dei tanti sprechi alimentari generati da questo settore, partendo dalla propria realtà  e dando vita ad un’iniziativa solidale dal nome Pasto Buono.

Si passa così dal più famoso buono pasto (QUI! Ticket) al Pasto Buono, ossia il pasto recuperato e donato ai tanti bisognosi della propria città , grazie anche alla collaborazione con importanti realtà  del mondo non profit quali ad esempio Caritas e Misericordia e di lodevoli donatori di cibo quali bar, self-service e gastronomie che possono così¬ donare l’eccedenza sana invenduta del giorno a fini sociali anzichè vederla gettata.

Da lì il passo alla costituzione della QUI Foundation è breve, tanto forte è l’esigenza di creare una struttura che più compiutamente potesse dedicarsi al consolidamento ed allo sviluppo dell’attività  solidale di questo imprenditore. In poco tempo Pasto Buono raggiunge buoni risultati. In otto anni, ha permesso di recuperare e donare oltre 800mila pasti, 300mila dei quali solo nel 2015.

Ad oggi, il Progetto Pasto Buono è attivo in diverse città  italiane: Genova, Milano, Roma, Civitavecchia, Napoli e Cagliari. Ha all’attivo una partnership con Tirrenia, per la raccolta dei pasti sani invenduti sui ristoranti delle navi e la relativa distribuzione. La vetrofania Pasto Buono, viene rilasciata ad ogni esercente che aderisce al progetto, donando il cibo sano invenduto a fine giornata.

Tra il 2014 e 2015 si sono unite al progetto due grandi realtà  profit, la Compagnia di navigazione Tirrenia, che mette a disposizione l’invenduto dei ristoranti di bordo quando le navi attraccano nei porti di Genova, Cagliari e Napoli, e il Gruppo Cremonini, che consegna ai volontari le eccedenze dei punti ChefExpress in alcuni dei punti vendita di Roma e Milano.

Alla fine del 2015 QUI! Foundation è entrata a far parte del progetto mondiale della FAO “SAVE FOOD”.La fondazione è stata riconosciuta da FAO come idonea a rappresentare l’Organizzazione mondiale nella promozione di azioni di solidarietà  e di dialogo con le comunità  locali, con lo scopo di offrire assistenza alle persone in difficoltà  attraverso il progetto Pasto Buono.

Nel 2016, l’attività  di sensibilizzazione che QUI Foundation ha portato avanti negli anni, ha dato i frutti sperati: lL’Italia si è dotata di una normativa contro glisprechi alimentaricon la legge 166/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficialedel 30 agosto.